COS’È L’ ANGELITE ?

L’angelite è un minerale dalle tonalità tenui dell’azzurro nota come la pietra degli angeli, è una pietra poco usata in cristalloterapia.

Angelite in realtà è il nome che viene dato all’anidrite quando è azzurra, anidrite deriva dal greco “anidra” che significa “senza acqua”.

 

Si tratta di un minerale composto da solfato di calcio anidro che può essere di origine sedimentaria o evaporitica.

Cioè si può creare per l’evaporazione delle acque salate all’interno degli ambienti dal clima caldo. Deriva dai depositi di gesso quando essi perdono le molecole di acqua.

 

La somiglianza dell’anidrite con il gesso infatti è grandissima. È un minerale piuttosto comune, lo trovate per esempio in Campiglia Marittima (in provincia a Livorno) ma anche in Provincia di Bergamo, di Torino e di Grosseto. In America c’è una miniera in Arizona e in alcuni punti del New Jersey. C’è poi in Francia, Polonia, Svizzera, Austria.

 

 

In natura l’anidrite assume una forma particolare, a grappolo. Il colore va dal bianco all’azzurro, passando anche per il grigio.

 

 

Quando è stata scoperta ?

 

l’angelite è stata scoperta nel 1987 in Perù.

 

 

I suoi benefici

 

Tra i benefici dell’angelite si fanno notare in particolar modo quelli legati alla sfera spirituale. Questo perché vi insegna a entrare in armonia con gli altri, a comprenderne meglio bisogni ed esigenze.

 

Non è nota per gli effetti sul corpo. La sua energia comunque equilibra perciò può essere utilizzata proprio per ristabilire il benessere e ridurre alcuni dolori psicosomatici. Sembra che possa avere anche effetti benefici sulle ossa.

 

La sua azione equilibrante si fa sentire anche sulle emozioni, porta serenità e questo consente di instaurare rapporti veri con le altre persone. Placa la rabbia e i sentimenti aggressivi. Dona supporto durante le separazioni.

 

 

Per quanto riguarda i benefici per la mente l’angelite lavora sul chakra della gola e migliora la capacità comunicativa. Aiuta a esprimere le idee in modo chiaro e calmo.

Sblocca la mente quando entra in uno stato di ansia tale che impedisce di vedere la soluzione più opportuna a un problema.

 

 

Li ridimensiona e aiuta ad affrontarli dal punto di vista giusto, portando allo stesso tempo una maggiore accettazione dei cambiamenti.

Potete usarla se state svolgendo un lavoro creativo perché apre la mente all’intuizione.

 

 

In linea generale comunque porta equilibrio a livello energetico, migliora la consapevolezza psichica e può lavorare sul terzo occhio per favorire l’intuito e la comunicazione telepatica.

 

 

6 modi diversi per usare l’angelite

 

  • Potete indossare una collana di angelite come scudo protettivo ma anche per migliorare la comunicazione, è una pietra talmente versatile che non vi creerà nessun problema usarla anche come bracciale o anello.

 

  • Le pietre burattate di angelite invece le potete utilizzare in meditazione visto che lavora molto sulla sfera mentale e quella spirituale.

 

  • Potete mettere delle pietre di angelite all’interno della casa per favorire l’armonia domestica.

 

  • Posizionate un’angelite sopra il terzo occhio così da favorire l’intuizione e il risveglio dei poteri psichici.

 

  • Se poniamo l’angelite nella camera dei bambini o nella federa del loro cuscino, fanno risuonare le energie positive degli esseri angelici e le convogliano verso il bimbo, il quale, proprio per la sua tenera età, è in grado di recepire maggiormente questo flusso di bontà ed amore rispetto ad una persona adulta.

 

  • Possiamo usare l’angelite per il contatto con gli angeli e con lo spirito guida.

 

  • Posizionatela vicino al letto per migliorare la qualità del sonno e ricevere dai sogni dei messaggi chiarificatori.

 

 

Come si pulisce ?

 

Pulire l’angelite spolverandola e lavandola velocemente, asciugatela subito però e molto bene. Potete purificare l’angelite con l’incenso Palo Santo oppure sopra una drusa di ametista.

 

Potete poi caricare l’angelite con delle punte di cristallo di rocca, in questo caso posizionate le punte intorno alla pietra e lasciatela “riposare” per alcune ore.

 

 

 

Come si purifica ?

 

Potete purificare l’angelite risciacquandola sotto acqua corrente mentre ne visualizzate la liberazione dalle energie negative accumulate, per poi asciugarla bene e lasciarla uno o tre giorni all’aria aperta così che stia a contatto (meglio se non diretto) con la luce solare. Anche la luce lunare va benissimo in quanto è una pietra legata alle energie sottili e spirituali.

Altrimenti potete lasciarlo sotto sale grosso per una o tre notti, o anche lasciarlo a contatto con la Terra per scaricare tutte le vibrazioni accumulate (attenzione solo che non abbia appena piovuto e sia umida).

 

 

Nota bene:

Ricorda che nessuna pietra lavorerà al posto tuo, la volontà di cambiamento e guarigione è sempre un elemento fondamentale !

 

 

Combinazioni con altre pietre

 

Se volete rilassarvi potete potenziare il suo effetto accompagnandola al turchese. Per combattere l’ansia invece all’azzurrite.

Per incentivare la buona comunicazione potete creare una collana (o comprarla) che vede unite l’angelite con l’amazzonite. Infine per ridurre la rabbia usatela con il calcedonio.

 

Fonti: imieicristalli

geabracciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.