Crea sito

I FANTASMI DEL MUSEO REINA SOFIA DI MADRID

Voci e urla in stanze vuote, porte che si aprono e si chiudono da sole, allarmi che suonano senza che venga trovata la causa tecnica di questo guasto. Questi sono alcuni esempi degli eventi denunciati negli anni da funzionari e guardie del Museo Reina Sofía.

Circostanze che hanno portato alla formazione di una sinistra leggenda attorno a questo centro, uno spazio che è diventato un classico delle indagini paranormali in Spagna.

 

La storia dell’edificio 

 

La storia dell’edificio risale alla seconda metà del XVI secolo. In questa data fu costruito un ricovero sul sito che attualmente occupa il Museo, dove venivano a morire mendicanti e persone senza risorse.

Nel sottosuolo di questo luogo molti di loro potrebbero essere stati sepolti. Questo ostello divenne in seguito l’Ospedale Generale, inaugurato nel 1787 da Carlos III.

 

Il progetto, avviato dall’ingegnere José Hermosilla e portato a termine sotto la direzione di Francisco Sabatini, ha cercato di riunire nella stessa località, nella zona di Atocha, i numerosi centri e ospedali sparsi per la città. All’interno veniva venerata l’immagine della Madonna di Madrid o Vergine dei Poveri.

Nei suoi primi anni di attività, migliaia di persone sono morte in ospedale, in un momento in cui diverse piaghe ed epidemie hanno devastato Madrid. Il numero di cadaveri era così alto che molti di loro dovettero essere sepolti nel seminterrato dell’ospedale stesso.

 

Questo fatto ha portato a storie di goblin e fantasmi che di notte venivano nelle stanze di alcuni pazienti per annunciare che la loro morte era vicina. Il General Hospital ha chiuso i battenti e ha smesso di funzionare nel 1965. Per 20 anni è rimasto abbandonato e invaso da centinaia di gatti.

Si propose addirittura di demolirlo, ma l’Accademia di San Fernando e la Direzione Generale delle Belle Arti ne chiesero la conservazione al governo e riuscirono a farlo dichiarare edificio storico-artistico nel 1977. Cinque anni dopo si decise di convertire il vecchio edificio dell’Ospedale Generale in un moderno centro d’arte: il Museo Reina Sofía.

 

 

Mummie religiose

 

Durante i lavori di ristrutturazione ci furono tutta una serie di macabri reperti, tra cui resti di scheletri, teschi o cadaveri di bambini.

Nel 1990, mentre era in corso una seconda ristrutturazione, tre suore mummificate apparvero sepolte nella vecchia cappella dell’ospedale, un’area che oggi è adibita a seminterrato e in cui alcuni addetti del museo dicono che si svolge la maggior parte delle attività paranormale.

 

Le tre mummie, infatti, rimangono sepolte sotto il portone principale del Museo previo permesso dell’Arcidiocesi. Nonostante la riabilitazione dell’edificio, la galleria d’arte di Madrid è stata teatro di tutti i tipi di strani eventi. Una situazione studiata dal Gruppo Hepta, un team di ricercatori e specialisti fondato dal sacerdote José María Pilón.

Sono andati al Museo per la prima volta nel 1992, quando María de Corral era la direttrice del Reina Sofía, e hanno assistito a fenomeni inspiegabili come gli ascensori che partivano da soli di notte. Gli eventi iniziarono a svolgersi mesi dopo il trasferimento di Guernica nello stesso anno.

 

Un cambio di luogo molto controverso poiché molti esperti ritenevano che il Reina Sofía non fosse il luogo più adatto per l’opera di Picasso e che fosse migliore nella sua posizione precedente, il Casón del Buen Retiro.

Per questo ci sono ricercatori che assicurano che gli eventi paranormali sono portati avanti dal fantasma di Pablo Picasso, irritato dal trasferimento del suo dipinto in un ospedale trasformato in museo.

 

Le teorie non finiscono qui. Un medium ha affermato che lo spirito esisteva e che si trattava di un sacerdote morto sotto tortura durante la Guerra Civile in un’area dell’ospedale che sarebbe stata utilizzata in quel momento come prigione e centro di tortura.

 

 

Ataúlfo risponde alla chiamata

 

Tuttavia, la cosa è andata oltre. Ed è che secondo il giornalista Ángel del Río nel suo libro “Goblin, fantasmi e case infestate di Madrid”, alcuni guardiani notturni hanno preso la questione del fantasma nel museo come uno scherzo e hanno deciso di chiamarlo attraverso una tavola Ouija.

Apparve uno spirito a cui attribuirono il nome di Ataúlfo, che fece una tragica previsione a uno degli operai presenti: “Tra pochi giorni avrai una grande disgrazia. Preparati. Alcuni giorni dopo, un parente molto stretto del guardiano morì in un incidente stradale, come documentato nel libro.

 

Per alcuni non è stata altro che una crudele coincidenza, ma altri hanno avuto paura e hanno chiesto un trasferimento di lavoro.

Un ex vigilante del Reina Sofía ha segnalato questi eventi paranormali nell’ottobre 1997 al Ministero dell’Ambiente della Comunità di Madrid. L’ex operaio del Museo ha chiesto di essere dimesso a causa della depressione causata dalle presunte apparizioni del fantasma e ha chiesto al Ministero di eseguire un esorcismo nella galleria d’arte per porre fine allo spirito.

 

Inoltre, il denunciante ha assicurato che a causa di questo fantasma si era ammalato, soffriva di nervosismo, sudorazione e vertigini. Sintomi che, come ha affermato nella sua lettera, sono scomparsi non appena è stato trasferito, motivo per cui ha affermato che i suoi problemi erano considerati malattie professionali.

Il direttore del Reina Sofía in quella data, José Guirao, ha semplicemente indicato che “la cosa di Ataúlfo è una vecchia barzelletta che qualcuno ha preso sul serio”. L’Ambiente, da parte sua, ha chiuso il suo particolare fascicolo X con un breve messaggio: “In virtù dello Statuto di Autonomia, il Ministero manca di poteri nei fenomeni paranormali”.

 

Fonte: abcmadrid

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.