Crea sito

IL CASTELLO DI LANDRIANO E IL FANTASMA DI JANET

Dove si trova ?

 

Il Castello di Landriano si trova vicino al paese omonimo in provincia di Pavia, sorge sulle rive del fiume Lambro ed è ubicato su un isolotto intorno al quale scorre un fiumiciattolo. E’ divenuto famoso grazie alla presenza di un fantasma di una signora il cui nome sarebbe Janet e avrebbe abitato il Castello nel 500.

 

Questo paesino di poco più di 6.000 abitanti nel medioevo fu conteso da diverse fazioni e fu al centro di aspre e sanguinose battaglie.

 

 

La storia del castello

Risultato immagini per janet landriano

Il castello è presente in documenti risalenti all’anno 1037, ma si pensa che sia in realtà molto più antico a causa della scoperta di resti di un insediamento fortificato poco distante antecedente alla costruzione principale.

Il castello era al centro dei terreni contesi da ostrogoti, insediati a Pavia, e bizantini, che occupavano il territorio di Milano: quella contesa andò avanti per secoli, anche quando i due popoli vennero spodestati e la lotta fu tra guelfi e ghibellini.

 

Nel 1531 Alessandro Landriani cedette la fortezza al gran cancelliere Francesco Taverna e la sua famiglia lo ha mantenuto nei secoli, sebbene se ne sia quasi sempre disinteressata e sia andato in rovina; nel 1800 però il conte Paolo Taverna fece compiere diversi lavori di restauro e lo riportò ad un certo splendore, sebbene avesse intenzione di trasformarlo in uno stabilimento tessile sfruttando l’energia ricavata da un mulino nel Lambro. Purtroppo ciò non avvenne mai poiché il corso d’acqua non garantiva acqua sufficiente nel fossato circostante l’edificio.

 

 

 

Il fantasma di Janet

 

Quando qualcuno si avvicina, il fantasma di Janet si materializzerebbe comportandosi con naturalezza. In altre circostanze, invece, il suo carattere diverrebbe più aggressivo. Secondo varie testimonianze prima che il fantasma di Janet si materializzi si udirebbe un canto o una specie di lamento di donna. Si narra anche in alcuni casi lo spettro provò a comunicare con i passanti.

Ma in altre fonti si evidenzia maggiormente il suo lato oscuro e sinistro. Questo sarebbe tanto potente da ipnotizzare o far cadere in trance tutti quelli che imprudentemente si avvicinano troppo al Castello.

 

Generalmente, comunque, non sempre si mostra allo stesso modo. In certe occasioni si vedrebbe solo la fisionomia del suo viso. In altre, invece, si scorgerebbe una figura luminosa assai confusa. Inoltre, il fantasma di Janet non apparirebbe sempre nello stesso posto.  A volte si materializza sul portone d’ingresso altre volte davanti alle finestre del castello, si mostrerebbe, o meglio si farebbe sentire, anche nei pressi del cancello con sussurri e pianti

 

 

Attualmente il Castello di Landriano è chiuso perché è di proprietà privata ed è quindi impossibile addentrarsi al suo interno ed eventualmente poter approfondire la ricerca o effettuare rilevazioni sulla presenza o meno del fantasma di Janet… sempre che sia il suo vero nome!

Del fantasma di Janet se ne parla da meno di mezzo secolo, ma le testimonianze sono troppe da essere liquidate come pareidolia o suggestione.

 

Documenti a riguardo non ce ne sono, la storia e la leggenda si intrecciano, ma si riuscirebbe a risalire effettivamente ad una nobildonna di nome Giannetta vissuta a cavallo tra il XV e il XVI secolo.

Giannetta Landriani, probabilmente una diretta discendente dei proprietari del castello, era solita interessarsi e intrattenersi mescendo pozioni e leggendo erbari; si dice che fosse una “herbaria”, ovvero una donna esperta in medicamenti e rimedi naturali ai problemi fisici del tempo.

 

Proprio quella sua passione le costò la vita quando il generale Lautrec ordinò una serrata caccia alle streghe in tutta la regione. Poiché al tempo l’erboristeria era considerata un rimedio eretico, Giannetta venne accusata di stregoneria ed ebbe come unico sconto di pena “l’onore” di essere giustiziata a casa sua, su un rogo organizzato nella piazza antistante il castello.

 

Fonti: mitiemisteri

ilparanormale

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.